Crea sito

Biografia

Articolo sul Giornale di Sicilia

Sono nata a Siracusa il 10 gennaio del 1972 da Antonio e Maria, un operaio ed una casalinga che volevano avere una famiglia numerosa. Quarta di sei figlie femmine sin da piccola mi appassiono al disegno ed alla lettura delle fiabe tanto da essere considerata a scuola, una bambina con troppa fantasia! Disegno in continuazione ed ho già le idee chiare sugli studi che voglio fare da grande, l'istituto d'Arte per poter disegnare sempre. E così, appoggiata dai miei genitori conseguo il diploma di scuola superiore e dopo frequento e mi diplomo presso l'Accademia di Belle Arti di Catania. Il mio insegnante di pittura per selezionare gli allievi, fà fare delle prove per indirizzare chi è più portato verso l'astratto e chi verso il figurativo ed io finisco fra gli astrattisti, con mia grande sorpresa! Seguo le direttive del mio insegnante e non rinnego nulla ( mi sceglie fra tanti per partecipare con un mio lavoro ad una mostra collettiva a Milano), tuttavia in fotografia scelgo il ritratto che porto avanti con successo (secondo il parere dell'insegnante!). Resto sempre dell'idea che il figurativo mi appassiona di più e sfogo tutto il mio estro sulle tavole anatomiche,e la tesi è su " Il modellato nel periodo rinascimentale".Finiti gli studi torno a Siracusa dai miei, debbo trovarmi un lavoro, sono nata in una famiglia operaia e bisogna stare coi piedi per terra! Non ci vuole molto per accorgersi che di Arte non si campa e certamente non sono la novella Frida Kahlo del sud Italia, ma sono certamente una persona con "troppa" fantasia e la creatività non mi manca, così insieme a mia sorella Roberta mi apro nel 1999 un laboratorio artigiano che chiamerò "Artemisia" in onore della grande Artemisia Gentileschi (pittrice, 1593 - 1653) nel centro storico di Siracusa , l'isola di Ortigia, dove dipingo con colori serigrafici ma senza il consueto telaio, le t-shirt e  l'abbigliamento vario. Realizzo la prima maglietta con l'espressione tipica sicula, di cui riporto la notizia del "Giornale di Sicilia" e poi  il successo in ambito locale naturalmente. La linea coi modi di dire siciliani prende piede e va in stampa seriale, poi come succede, non potendo registrare all'ufficio brevetti i proverbi e le espressioni tipiche siciliane, l'idea viene copiata ed io passo ad altro. Il laboratorio non vive solo con le t-shirt e l'abbigliamento creativo, realizzo anche aerografie su caschi per moto, e personalizzazione di vele da parapendìo ( per le vele un grazie particolare alla mia amica Danila ).

Chiudo il laboratorio nel  2006 e due anni dopo mi sposo e mi trasferisco a Catania dove vive e lavora mio marito (Maestro di chitarra classica e compositore), città che già conosco bene per i precedenti studi. La nuova vita mi porta ad interessarmi di psicologia della comunicazione e del miglioramento, mi appassiono prima alle teorie di Carl Gustav Jung ( psicanalista, antropologo 1875 - 1961 ), in seguito alla Programmazione Neuro Linguistica attraverso le letture di Anthony Robbins ed i corsi con il fondatore della PNL Richard Bandler e da qui passo a quella appassionante scienza che è la fisica quantistica. Il passo dallo studio della psicologia e il ritorno al ritratto è semplice. Ricomincio a dipingere, questa volta con le idee molto più chiare su quello che voglio dipingere,

n°1 : adoro disegnare le facce delle persone, anche quelle di fantasia;

n°2: la psicologia delle persone m'intriga tantissimo .

Sembra strano ma non avevo mai usato i colori acrilici su tela, ho sempre pensato che gli oli fossero i migliori ma, avendo preso spunto dallo stile della PopArt ossia, solo ed esclusivamente tinte piatte, sono diventati gli acrilici i miei preferiti e anche gli smalti ad acqua!